Per lo sviluppo del 5G adeguiamoci ai limiti EU

IMG_1968.jpeg
Per lo sviluppo delle reti #5G l’Italia avrà la necessità di adeguare i limiti di emissioni elettromagnetiche delle antenne a quello degli altri paesi UE, al momento infatti il nostro paese è quello con le maggiori restrizioni al mondo (vedi tabella allegata). Limiti che però non hanno una reale giustificazione di carattere scientifico valida, non esiste infatti nessuna associazione tra l’esposizione a bassi livelli di elettromagnetismo e il rischio di malattie.
I limiti Italiani infatti non trovano riscontro normativo in ambito internazionale, ma fanno si che la popolazione sia indotta a pensare che tali effetti esistano e obbligano a maggiori spese e a complicazioni non indifferenti per ottenere una buona copertura del nostro territorio, come ad esempio il posizionamento delle antenne su pali molto alti, che oltre a deturpare il paesaggio fanno anche aumentare le ingiustificate preoccupazioni nella popolazione, per la facile quanto sbagliata equazione antenna più alta e grande = più radiazioni.
Per questi e altri motivi, auspico che il nostro paese possa al più presto uniformarsi a quelli che sono i limiti imposti negli altri paesi dell’unione europea!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.