Ma quale assenteista??? (Smentita al fatto quotidiano)

20130614-190008.jpg

In un articolo odierno del fatto quotidiano online, dal titolo “Assenteismo in Parlamento: Berlusconi in aula una volta, maglia nera ai suoi legali” a firma di Loredana Di Cesare, mi si attribuisce il record delle assenze, pari al 50%, dai lavori parlamentari per il M5S.

L’autrice dell’articolo cita openpolis come fonte di tale informazione. Faccio presente che sono stato ricoverato, da martedì 28 maggio a sabato 01 giugno, nell’ospedale Cardinal Massaia di Asti, con una successiva ricaduta che mi ha costretto ad un nuovo ricovero, nella notte di mercoledì 5, attualmente sono ancora convalescente.

In quest’arco di tempo però non sono stato fermo, anzi, pur nelle mie precarie condizioni di salute ho presento: un’interpellanza urgente contro la mancata bonifica del sito dell’ex ACNA di Cengio (che sarà discussa la prossima settimana in Aula); una risoluzione in Commissione Ambiente per impegnare il governo a sostenere la “filiera corta” nei bandi pubblici per la ristorazione collettiva; una interrogazione a risposta in commissione per fare luce sull’iter autorizzativo relativo alla realizzazione del Campo Base Piemonte 3 che è parte del progetto dell’alta velocità del Terzo Valico dei Giovi; un’interrogazione a risposta scritta sulla vicenda del personale ispettivo dell’ANAS transitato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Ed altre iniziative parlamentari sono tuttora in cantiere.

Si precisa, inoltre, che gli uffici competenti della Camera dei deputati sono stati informati, con la documentazione opportuna, del mio ricovero, come il mio stesso gruppo parlamentare.

3 risposte a “Ma quale assenteista??? (Smentita al fatto quotidiano)”

  1. Gentile Paolo, scusami forse non ho capito bene. Il documento giustifica la tua assenza dalla data del 28/5/2013 all’ 1/6/2013. Il resto delle assenze? Non riesco a trovare i tuoi interventi alla camera, dove li trovo? grazie mille!

    1. Il documento testimonia la mia patologia,che essendo abbastanza grave, dopo le dimissioni è seguito un periodo di convalescenza, qualsiasi medico penso ti possa dare delucidazioni sui tempi di recupero, che ho accorciato al massimo andando contro a quelli che erano i consigli dei dottori che mi hanno seguito. Per questo ho ritenuto non necessario pubblicare anche i fogli del mio medico per le settimane di convalescenza a casa nelle quali come ho già scritto ho comunque lavorato da casa.
      I miei interventi in assemblea e in commissione sono disponibili sul sito della Camera o nei rapporti stenografici.

Rispondi