FUORI LA POLITICA DALL’AUTORITYDEI TRASPORTI

FUORI LA POLITICA DALL’AUTORITYDEI TRASPORTI

Nella seduta odierna del Consiglio dei ministri sono stati nominati i tre membri della nuova Autority dei trasporti.

Durante il passaggio parlamentare verificheremo nel dettaglio i curricula dei nomi proposti dal Consiglio dei Ministri per la nuova Autorità dei Trasporti, ma anticipo subito la piena contrarietà del M5S al nome di Mario Valducci noto esponente politico del PDL. La politica deve stare lontano dalle Autority se vogliamo garantire a queste autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità quel ruolo di autonomia e garanzia che necessitano per svolgere senza condizionamenti le loro funzioni. Ricordo che l’Autorità dei Trasporti ha tra i suoi principali doveri quello di garantire condizionidi accesso eque e non discriminatorie alle infrastrutture ferroviarie, portuali, aeroportuali e alle reti autostradali. Avere tra i suoi componenti un noto esponente del PDL, il partito del conflitto di interesse per eccellenza, non ci rassicura affatto. Inoltre i componenti dell’Autorità per legge devono essere scelti tra persone di indiscussa moralità e indipendenza e di comprovata professionalità e competenza nei settori in cui opera l’Autorità. Non mi risulta che Mario Valducci abbia almeno uno dei requisiti sopra menzionati. Pertanto la nostra opposizione sarà dura in Parlamento e fuori se la maggioranza dovesse impuntarsi sul suo nome.

Rispondi