Alluvione ’94: basta false promesse elettorali, risolviamo seriamente la questione!

Oggi si è tenuto l’incontro del “Comitato Imprese Alluvionate Piemonte 1994″, dove si è parlato del mancato rimborso, dei tributi versati nel triennio 95-97 dalle aziende coinvolte nell’alluvione del 1994 e delle richieste di pagamento, che in questi giorni l’Inps sta inviando per chiedere la restituzione degli importi non dimostrabili.
Quindi, non solo ancora moltissimi cittadini e imprenditori di Asti, Alessandria e di tutto il basso Piemonte, attendono da anni il rimborso del 90% delle tasse, pagate ingiustamente in quanto alluvionati.
Ora, oltre al danno, si aggiunge anche la beffa: è di questi giorni, la notizia che lo Stato, pretende la restituzione dei rimborsi erogati, in quanto le aziende alluvionate, 23 anni or sono potrebbero aver percepito più del dovuto, ma, a 23 anni di distanza è quasi impossibile dimostrare i danni effettivamente subiti.
Ora, lo stato, per fare cassa, non esita a mandare sul lastrico le piccole e medie aziende piemontesi, rischiando di causare altra disoccupazione sul nostro territorio già in crisi, perché “colpevoli” di aver usufruito di un rimborso per sistemare i capannoni industriali alluvionati.
Chiaramente l’Inps agisce secondo procedure di legge, ma la questione è tutta politica, per questo chiedo ai parlamentari di maggioranza presenti all’incontro del “Comitato Imprese Alluvionate Piemonte 1994” di non limitarsi alle solite false promesse elettorali, visto che ad Asti e Alessandria si vota, ma di attivarsi seriamente per risolvere definitivamente questa questione!
Attendiamo fiduciosi riscontri.

Rispondi